Gallery

Photo Gallery del portale web www.galcapodileuca.it

LEADER I

  • Il Programma di Iniziativa Comunitaria L.E.A.D.E.R. (Liasion Entre Actions de Développement de l’Economie Rurale - Collegamento tra azioni di sviluppo dell’economia rurale) è una iniziativa dell’Unione Europea, si pone come obiettivo di promuovere lo sviluppo dell’economia rurale; egli ha preso avvio nel 1991; la sua azione si è sviluppata all’interno dei 217 Gruppi di Azione Locale finanziati in tutto il territorio comunitario.
  • La realizzazione del L.E.A.D.E.R. ha prodotto risultati molto interessanti, tanto da indurre la Commissione Europea a rifinanziare il Programma, aumentandone, per il L.E.A.D.E.R. II sia la disponibilità finanziaria sia gli ambiti di intervento. Nell’area del Capo di Leuca, il L.E.A.D.E.R. I, attraverso il G.A.L. “Capo S. Maria di Leuca”, ha segnato una fase importante nell’esperienza dello sviluppo locale; nel corso dei tre anni di intervento, sono stati finanziati 110 microprogetti. I Comuni interessati erano diciannove: Alessano, Andrano, Castrignano del Capo, Castro, Corsano, Diso, Gagliano del Capo, Montesano Salentino, Morciano di Leuca, Ortelle, Patù, Poggiardo, Ruffano, Salve, S.Cesarea Terme, Specchia, Spongano, Tiggiano e Tricase. Tra gli interventi più significativi realizzati nell’area, occorre registrare quello nel settore agrituristico, dove è stata favorita la creazione di cinque nuove aziende, in un territorio in cui l’attività agrituristica era pressoché sconosciuta, contribuendo nella misura del 60% delle spese effettive per la realizzazione di strutture.

  • Il G.A.L. “Capo S. Maria di Leuca”, sempre nell’ambito del turismo rurale, ha contribuito con il L.E.A.D.E.R. I, nella misura del 60% delle spese sostenute, a 12 progetti di ristrutturazione nel borgo antico di Specchia, di cui 10 piccoli immobili, da destinare per dieci anni all’offerta turistica del Capo di Leuca, ed ora inseriti nel circuito turistico nazionale e internazionale, grazie alla commercializzazione, anche su INTERNET, sul mercato americano ed europeo. Inoltre, è stato recuperato un immobile da destinare a negozio di prodotti tipici dell’area, ubicato all’interno del Castello Risolo, infine, un caratteristico frantoio è stato ristrutturato per diventare un piccolo ristorante con cucina locale. Con il fine di sviluppare e qualificare l’offerta del turismo rurale, 36 aziende agrituristiche e di turismo rurale, con un contributo pari al 75% delle spese sostenute hanno ottenuto il finanziamento per la stampa di materiale promozionale e per la realizzazione di una adeguata cartellonistica informativa. Per agevolare la mobilità nell’area, sono stati finanziati due progetti riguardanti la sistemazione di piste di maneggio, anche in questo caso il contributo è stato pari al 60% delle spese effettive.
  • A favore della valorizzazione del patrimonio culturale dell’area si è proceduto al finanziamento di un intervento riguardante la sistemazione di un itinerario turistico, che interessa l’intera area archeologica di Vaste di Poggiardo, sempre nella misura del 60% delle spese sostenute. Nello stesso ambito, attraverso il G.A.L. “Capo S. Maria di Leuca”, il L.E.A.D.E.R. I ha finanziato due interventi, con copertura totale delle spese sostenute, il primo a favore del consolidamento delle mure del centro storico di Specchia, il secondo con il recupero e la valorizzazione a fini turistici della Cripta basiliana dell’XI secolo dei SS. Stefani a Vaste e la conseguente creazione di un itinerario turistico che interessa l’intera area archeologica ed il locale Museo. A favore della tutela e valorizzazione dei boschi della macchia mediterranea il G.A.L. “Capo S. Maria di Leuca” ha proceduto al recupero ambientale e realizzazione ed installazione di cartelloni didattici, cestini portarifiuti e panchine in quattro boschi del Capo di Leuca e più specificatamente: del bosco di Cardigliano a Specchia, del bosco del parco del Palazzo Baronale a Tiggiano, del parco delle Querce a Castro e del boschetto delle Querce Vallonee a Tricase, quest’ultimo un intervento particolare, poiché si tratta di una specie, che in tutta l’Europa occidentale è presente solo nel Capo di Leuca.
  • Nel campo degli aiuti alla piccola impresa ed artigianato, 25 aziende operanti nell’artigianato tipico hanno ottenuto finanziamenti, fino al 60% delle spese sostenute e riconosciute ammissibili, per l’acquisto di nuove attrezzature tecniche ed alla sistemazione dei laboratori artigianali, inoltre, 30 piccole imprese ed aziende artigiane hanno ottenuto servizi reali acquisendo consulenza marketing e la realizzazione di cataloghi aziendali, con un contributo a carico del Programma L.E.A.D.E.R. I, pari al 80% delle spese sostenute; ed inoltre sette aziende hanno ottenuto finanziamenti per il confezionamento/packaging dei propri prodotti, con un contributo del L.E.A.D.E.R. I pari al 75% delle spese effettive. Nello stesso ambito, tre aziende, operanti nel settore vivaistico e delle piante officinali, hanno ottenuto finanziamenti, nella misura del 60% delle spese sostenute, per agevolare la produzione, la valorizzazione e commercializzare i prodotti legati alla flora ed alla macchia mediterranea. Inoltre, sono state finanziate, sempre con un contributo del L.E.A.D.E.R. I pari al 60% delle spese sostenute, sei aziende del settore dei prodotti tipici agroalimentari ed otto punti di vendita dello stesso settore, nella misura del 75% delle spese sostenute.

  • Nella logica dello sviluppo integrato ogni intervento ha usufruito dell’assistenza nella fase di preparazione, di esecuzione e di accompagnamento al mercato da parte del G.A.L. “Capo S. Maria di Leuca”. A favore della promozione e dello sviluppo locale sono stati realizzati degli stands modulari per l’esposizione dei prodotti artigianali ed agroalimentari tipici locali in occasione di feste e sagre nel territorio del Capo di Leuca.

  • Infine si sono realizzate due manifestazioni a favore della promozione dell’area e dei suoi operatori, nei centri commerciali delle città di Modena e di Ferrara con una copertura delle spese pari al 75% delle spese sostenute.

    RIEPILOGO Programma LEADER I

    (in milioni di Lire)

    SOTTOMISURE

    Impegni di spesa

    Spesa totale

    1. Sostegno tecnico e Animazione dello sviluppo rurale

    522,7

    473,3

    2. Formazione Professionale e aiuti allo occupazione

    647,8

    485,6

    3. Turismo rurale

    3.277,1

    2.172,5

    4. P.M.I - Artigianato e servizi zonali

    1079,6

    807,9

    5. Valorizzazione in loco e commercializzazione dei prodotti agricoli e silvicoli

    1.356,5

    493,0

    6. Altre Misure

    0

    0

    7. Avviamento e funzionamento del Gal Dotazione Informatica

    (Presente nel LEADER II nella Misura 1 alla voce:1.4 Costi di Esercizio)

    900,0

    872,1

    TOTALI

    7.783,7

    5.304,4

LEADER II

Il GAL “Capo S. Maria di Leuca” con il Programma di Iniziativa Comunitario LEADER II (1998 - 2001) ha impegnato quasi interamente le risorse disponibili pari a 6,8 miliardi, di cui 4,86 miliardi a carico pubblico e 1,94 a carico dei soggetti locali beneficiari. Hanno beneficiato dei contributi del Programma LEADER II i Comuni dell’area per interventi di salvaguardia e valorizzazione dei beni culturali e ambientali, le aziende che operano nei settori del turismo rurale, dell’artigianato, dell’agroalimentare e dei servizi, i giovani che hanno creato nuove attività imprenditoriali e che hanno partecipato ai corsi di aggiornamento professionale e lo stesso GAL per progetti di ricerca, di valorizzazione e promozione dell’offerta locale sui mercati regionali, nazionali e internazionali, di assistenza tecnica allo sviluppo locale.

L’area di intervento del GAL comprendeva 15 Comuni del Capo di Leuca: Acquarica del Capo, Alessano, Andrano, Castro, Corsano, Diso, Gagliano del Capo, Ortelle, Poggiardo, Presicce, Ruffano, Salve, Specchia, Tiggiano e Tricase.


E’ stato rilevante l’impegno nel settore della comunicazione nel quale i principali interventi sono stati i seguenti: 3 dossier informativi degli interventi previsti nell’ambito del Programma LEADER II; una testata giornalistica “Terra di Leuca - Conoscere, Crescere, Innovare”, della quale sono stati pubblicati 10 numeri, con distribuzione a livello provinciale, regionale e nazionale;  una newsletter “Terra di Leuca News”, distribuita on-line a circa 1000 punti di contatto sul territorio nazionale e internazionale; 5 reportage sulle attività del GAL trasmessi su emittenti televisive locali; un sito internet, un portale di accesso alle aree informative dedicate al patrimonio naturale e culturale, all’offerta turistica, al commercio elettronico e alla creazione di nuove imprese. Ispirandosi ad un approccio multimediale è stato realizzato “Terra di Leuca”, un repertorio iconografico e multimediale del patrimonio storico-architettonico e ambientale. Lo studio ha interessato 180 beni storici, archeologici, culturali e ambientali, catalogati e rappresentati in un CD-ROM, un volume, 56 cartelloni illustrativi, carte tematiche e un plastico dell’area, il tutto fra poco disponibile presso la “Casa Capo di Leuca”.

L’attività di animazione si è concentrata su diverse fasce della popolazione locale. Lo sportello “Vivi l’impresa” ha fornito informazione e assistenza tecnica ad imprenditori e giovani interessati alla creazione di nuove aziende. “Vivi l’impresa” ha monitorato circa 200 contatti informativi sul Programma LEADER II e sulle principali leggi agevolative nazionali per giovani, donne e agricoltori, ha assistito diverse aziende per la presentazione di progetti di impresa con la Legge 215/92, ha instaurato una proficua collaborazione con la sede provinciale di Sviluppo Italia e con gli Enti locali interessati alle nuove dinamiche del lavoro. Per gli studenti delle classi terminali di 6 istituti d’istruzione superiori dell’area è stato realizzato un ciclo di incontri e visite guidate. All’ iniziativa hanno partecipato circa 700 studenti i quali hanno incontrato alcuni imprenditori locali presso le loro aziende e hanno assistito alla proiezione del video “Fare impresa in Terra di Leuca. Il GAL motore di sviluppo del territorio” sulle opportunità di sviluppo nell’area. L’animazione si è concretizzata attraverso una serie di elementi visibili e altamente simbolici rispetto alla missione del GAL e al valore del patrimonio locale. Sono stati installati 8 cartelloni stradali “Qui è area L.E.A.D.E.R.” agli ingressi principali del territorio e 2 targhe in metallo in ogni Comune; in ogni sede municipale è stata posizionata la “Bacheca L.E.A.D.E.R.” per la diffusione delle informazioni sulle attività del GAL. In tutte le aziende beneficiarie sono state installate mattonelle in ceramica artisticamente decorate. Nell’ ambito della sottomisura riguardante la Formazione sono stati realizzati i seguenti corsi: “Management e gestione delle imprese turistiche” dove è stata sviluppata la specializzazione di capacità professionali nella gestione integrata di piccole e medie imprese turistiche, adeguata alle nuove dimensioni del mercato e alla competitività nel settore; “Gestione dell’azienda agrituristica integrata”, dove è stata introdotta la diversificazione dell’attività agricola investendo nuove risorse in settori diversi, soprattutto in altri comparti della filiera aziendale; due edizioni di  “Marketing e strategie competitive” dove si sono trasferite le conoscenze e competenze sulle funzioni innovative e qualitative dell’attività imprenditoriale. Con il corso “Progetto Scuola/Impresa”, rivolto agli studenti delle classi terminali e/o già diplomati dell’Istituto Statale d’Arte “Nino Della Notte” di Poggiardo, si è inteso trasferire gli strumenti di base per la creazione di un’impresa artigianale virtuale, gestita dai corsisti come se fosse vera. Con il corso di “Aggiornamento degli Animatori LEADER II” si è voluto creare una task-force di operatori competenti a gestire sul territorio i servizi e le attività del GAL, acquisire nuove competenze, promuovere azioni innovatrici e integrate in tutti i settori di attività del mondo rurale, diffondere le esperienze, aiutare gli attori rurali dell’area a sviluppare progetti comuni, pianificare e realizzare le attività di comunicazione, adottando anche le nuove tecnologie informatiche e telematiche, predisporre e favorire gli scambi nazionali e transnazionali. Complessivamente, con le attività di formazione del Programma LEADER II, il GAL ha formato complessivamente 80 persone. Nell’ambito del turismo rurale è stato realizzato un intervento di recupero e ristrutturazione di parte del Palazzo Risolo di Specchia adibito ad albergo di qualità; 2 antiche masserie sono state recuperate e adibite ad aziende ricettive agrituristiche. Inoltre, sono stati ristrutturati 8 appartamenti ubicati nei centri storici di Specchia e Alessano, da destinare alla ricettività turistica del Capo di Leuca.

Per incrementare l’offerta culturale della Terra di Leuca, con il contributo LEADER II il Comune di Poggiardo ha recuperato il primo piano del Palazzo Baronale di Vaste, destinato ad ospitare i reperti archeologici della locale area messapica. Tra i servizi complementari al turismo rurale, sono state attuate una serie di iniziative per la promozione dell’offerta turistica integrata della “Terra di Leuca”. Sono state stampate 12.000 copie del catalogo “La Strada dei Sapori e dei Saperi” (ricettività, artigianato e agroalimentare tipici, fruizione del territorio, ecc..) distribuito sui mercati regionali, nazionali ed internazionali come strumento di promozione al quale hanno partecipato i 15 Comuni dell’area, la Provincia di Lecce, la Camera di Commercio di Lecce, l’Azienda Promozione Turistica di Lecce, le Terme di S. Cesarea ed oltre 50 imprese locali. Inoltre,  si sono stampate 30.000 copie di un dèpliant pieghevole di presentazione dell’iniziativa insieme ad altre 10.000 copie di una cartina artistica dell’area.


Molto importante è stata la partecipazione a fiere del settore turistico quali la Borsa Internazionale del Turismo di Milano (2001), Fieren Messe di S. Gallo, Fiera Mediterranea di Copertino, Gitando di Venezia, Btex di Roma, Holidays di Bolzano, Biteg di Riva del Garda. Tra le altre iniziative di promozione turistica si devono ricordare la spedizione di materiale promozionale ad una mailing list di oltre 1000 indirizzi di CRAL, dopolavoro, associazioni, Gruppi dell’Italia settentrionale; la realizzazione di un educational nella Terra di Leuca con la partecipazione di circa 40 giornalisti del Gruppo Italiano Stampa Turistica (G.I.S.T.). A favore del settore artigianale e delle piccole imprese si è realizzato il Centro Polifunzionale di Servizi “Casa Capo di Leuca” ubicato nel piano terra di Palazzo Gallone, ristrutturato per l’occasione dal Comune di Tricase con il contributo del Programma LEADER II.  “Casa Capo di Leuca” rappresenta un importante punto di riferimento per il sistema imprenditoriale dell’area. Il Centro Polifunzionale di Servizi ospiterà i seguenti servizi:  il Centro commerciale dei prodotti tipici, con esposizione permanente dei prodotti locali del Capo di Leuca; il “Repertorio iconografico e multimediale del patrimonio storico-architettonico e ambientale”; il Punto di informazione turistica, con touch screen, supporti cartacei e telematici sull’offerta turistica e ricettiva; lo Sportello informativo “Vivi l’impresa”; il Centro Locale di Informazione Agricola (C.L.I.A.); gli Uffici operativi e amministrativi del GAL. Nell’ambito degli interventi rivolti alle PMI, i finanziamenti di L.E.A.D.E.R.II hanno interessato 8 aziende artigiane del legno d’ulivo e della pietra leccese per l’acquisto di attrezzature e macchinari, 15 artigiani locali per l’ideazione di nuovi prodotti e per il miglioramento del design di quelli esistenti, per la presentazione e il confezionamento delle produzioni locali e per la promozione dell’offerta aziendale mediante cataloghi, brochure e depliant. Nell’ambito della valorizzazione in loco e commercializzazione dei prodotti agricoli è stato realizzato un Centro Locale di Informazione Agricola (C.L.I.A.), creato in funzione delle reali esigenze espresse dalle aziende locali nell’ambito di un apposito studio.

Per il comparto agro-alimentare i finanziamenti hanno interessato i seguenti soggetti: 2 aziende agricole per la realizzazione di laboratori di trasformazione dei prodotti tipici locali; 4 imprenditori agricoli per la realizzazione di frantoi aziendali, per l’acquisto di attrezzature per lo stoccaggio e l’imbottigliamento dell’olio d’oliva; 5 imprenditori agricoli per la realizzazione di punti di vendita dei prodotti freschi e/o trasformati e di 2 punti integrati di vendita e informazione sul sistema agricolo, gastronomico, turistico e ricettivo locale; il Comune di Ruffano per l’acquisto di stands espositivi e toilette biologiche, da utilizzare durante le fiere che annualmente sono organizzate nei Comuni dell’area. Un intervento più complessivo è rappresentato dal Centro commerciale dei prodotti tipici, con esposizione permanente presso la “Casa Capo di Leuca”. Per questo progetto, il GAL ha realizzato un apposito sistema espositivo e di raccolta dei prodotti, un’apposita campagna promozionale, un sistema di frecce direzionali per le strade di Tricase, un catalogo elettronico e un sito di commercio elettronico per l’esposizione e vendita on line dei prodotti tipici del Capo di Leuca.

Passando alla  tutela e miglioramento dell’ambiente, un intervento importante finanziato dal Programma L.E.A.D.E.R. II è stato la realizzazione di un arboreto didattico da parte del Comune di Poggiardo nei pressi della Cripta brasiliana dei SS. Stefani di Vaste. Nel campo catalogo sono state impiantate specie arboree locali che rischiano di scomparire e specie tipiche della macchia mediterranea. Nell’arboreto didattico sono stati realizzati specifici percorsi didattico - ambientali e visite guidate per studenti. Sempre a tutela dell’ambiente, è stato realizzato un progetto di valorizzazione del paesaggio rurale della “lama” di Castro e Ortelle interessando i punti terminali del percorso, il querceto di Castro e il sito ambientale di Vignacastrisi di Ortelle.

Soggetti pubblico-istituzionali e organizzazioni professionali agricole, Enti Parco

  • C.N.R. Istituto di Genetica Vegetale 
  • Confederazione Italiana Agricoltori di Lecce 
  • Consorzio intercomunale del Capo di Santa Maria di Leuca 
  • Federazione Provinciale Coltivatori Diretti di Lecce 
  • Unione Provinciale Agricoltori di Lecce l 
  • Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Lecce 
  • COPAGRI - Confederazione Produttori Agricoli 
  • Consorzio di Bonifica "Ugento e Li Foggi" 
  • Provincia di Lecce 
  • Università del Salento

Sottocategorie