• acquarica-01.jpg
  • alessano-13.jpg
  • dsc_0668-2.jpg
  • gagliano-111.jpg
  • listener-copia.jpg
  • listener.jpg
  • listener1.jpg
  • montesano-05.jpg
  • morciano-231.jpg
  • pan-3.jpg
  • pan-11.jpg
  • pc290851.JPG
  • pennule-3.jpg
  • salve-021.jpg
  • specchia-01.jpg
  • tiggiano-08.jpg
  • tricase-03.jpg
  • tricase-04.jpg
  • viedelsalemariamaddalenabitonti-copia.JPG

GAL “CAPO DI LEUCA”: PRESENTAZIONE DEL PIANO DI AZIONE LOCALE A MATINO

Il GAL “Capo di Leuca” scarl comunica che Lunedì 2 Luglio, a Matino, alle ore 19.00 presso Palazzo Marchesale del Tufo in Piazza S. Giorgio  si svolgerà la Presentazione della Strategia di Sviluppo Locale 2014 / 2020 “il Capo di Leuca e le Serre Salentine”.

Il progetto coinvolge ben 23 comuni del basso Salento e dispone di una dotazione finanziaria pubblica di circa 7 milioni e mezzo di euro. Sono previsti i saluti del Dott. Giorgio Salvatore TOMA, Sindaco di Matino e del Rag. Rinaldo RIZZO, Presidente GAL, e gli interventi tecnici del Dott. Giosuè OLLA ATZENI, Direttore GAL e dell’Avv. Emiliano CAZZATO, Consulente GAL. Le conclusioni saranno affidate al Dott. Cosimo Roberto SALLUSTIO, Responsabile di Raccordo Regionale Misura 19 PSR Puglia 2014 – 2020.

Nel corso dell’incontro verranno illustrati gli interventi previsti nel Piano di Azione Locale, rivolti sia alle amministrazioni comunali, finalizzati al recupero di beni e aree pubbliche di interesse storico, artistico e culturale che ai privati in ambito agricolo, turistico e dell’artigianato tipico, oltre che progetti pilota in ambito sociale.

Grande soddisfazione esprime il Rag. Rinaldo Rizzo, Presidente del GAL: “Abbiamo finalmente avviato, unici in Puglia, la quinta esperienza consecutiva di attuazione del Programma LEADER. Sono circa 27 anni che ci impegniamo nello sviluppo rurale del Capo di Leuca, cercando di intercettare opportunità di finanziamento all'interno dello scenario offerto dai fondi europei. L’auspicio è che anche in questa programmazione il GAL possa svolgere appieno il proprio ruolo favorendo la promozione delle peculiarità e delle eccellenze territoriali, veri motori dello sviluppo locale.