LEADERMED

Nell’attuazione del PSR Puglia 2007-2013 Il GAL Capo S. Maria di Leuca ha fatto parte del partenariato del Progetto di cooperazione LEADERMED, avente come capofila il GAL Alto Salento, e come partenariato i GAL: Sud Est Barese, Terra d'Otranto, Terra D'Arneo, Serre Salentine, Terra dei Messapi, Valle della Cupa Nord Salento, Terre del Primitivo, Capo S. Maria di Leuca, Meridaunia, Daunofantino, Valle d'Itria, Luoghi del Mito, Colline Joniche, Le città di Castel del Monte, Conca Barese e realizzato con i Paesi Terzi dell’area Mediterranea. Il progetto ha proseguito, in complementarietà e integrazione, l’intervento già realizzato nell’ambito del Programma LEADER + 2000-2006 “LEADERMED”, uno dei pochi esempi europei di progetti di cooperazione transnazionale attuati con Paesi Terzi del Mediterraneo (PTM).

Esso ha inteso identificare e valorizzare il prezioso patrimonio di risorse (agricole e agro-alimentari, culturali, turistiche, naturalistiche, paesaggistiche, etc.) delle culture locali delle aree rurali connesse alla Dieta mediterranea, anche quelle dei Paesi Terzi Mediterranei, al fine di poter sviluppare la loro conoscenza presso le comunità locali coinvolte e i loro turisti/visitatori. L’attività realizzata ha rafforzato il processo di identità della popolazione locale con il territorio di appartenenza, contribuendo a contrastare il fenomeno di spopolamento delle aree rurali, non modificando le dinamiche agricole, alimentari e rurali, suggerendo nuovi percorsi da seguire per ricollegare il paesaggio alla tavola,al buon cibo, ma soprattutto, la Dieta Mediterranea. Con LEADERMED essa è divenuta il punto di partenza e l’elemento unificante per costruire sistemi di green economy, garantendo lo sviluppo sostenibile dei sistemi socio-economici locali coinvolti dal progetto di cooperazione internazionale grazie alla salvaguardia e alla valorizzazione di tale patrimonio con azioni integrate tra loro. Tutti i territori dei GAL coinvolti hanno sviluppato nuovi metodi di lavoro quali il trasferimento dell’“approccio LEADER” all’attuazione del progetto di cooperazione e all’organizzazione del partenariato. La Dieta Mediterranea è stata riconosciuta dall’UNESCO come patrimonio intangibile dell’umanità, un vero e proprio modello nutrizionale ispirato all’alimentazione tradizionale dei Paesi europei del bacino del Mediterraneo, in particolare in Italia, diffuso anche in altri Paesi extra-europei. Questo modello nutrizionale fu abbandonato nel periodo del boom economico degli anni ‘60 e ‘70 perché ritenuto troppo povero e poco attraente rispetto ad altri modelli alimentari provenienti in particolare dal nord America. Negli ultimi tempi la Dieta Mediterranea ha riconquistato l'interesse dei consumatori e sta conoscendo una grande diffusione, sia come modello alimentare sia come stile di vita sano, ottenendo il riconoscimento di patrimonio orale e immateriale dell'umanità da parte dell’UNESCO, che ha interesse a preservarla con azioni di tutela e salvaguardia per evitarne il rischio di erosione. L’analisi del comprensorio del Capo di Leuca contenuta nel PSL “Capo di Leuca 2015” ha evidenziato come l’area rappresenti, nel panorama provinciale e regionale, uno dei punti di eccellenza delle produzioni agroalimentari, sia in termini di diversificazione che di qualità, in particolare con la produzione dell’olio extra vergine di oliva. La valorizzazione dell’alimentazione mediterranea, l’approfondimento della sua identificazione con i valori culturali e con l’identità del Capo di Leuca, la diffusione dei suoi valori e dei suoi contenuti sono le motivazioni principali che hanno spinto verso iniziative finalizzate alla valorizzazione da un lato dei principi della Dieta Mediterranea e dall’altro alla promozione dei prodotti tipici del Capo di Leuca, nell’ambito di una strategia complessiva di sviluppo del comprensorio. Al fine di raggiungere tali obiettivi il GAL Capo S. Maria di Leuca ha avuto il compito di: effettuare un censimento dei prodotti annoverabili nella Dieta Mediterranea e presenti sul territorio di riferimento; raccogliere testimonianze e sensibilizzare la popolazione locale, il sistema scolastico, i ristoratori, ecc.; partecipare ad eventi organizzati nei territori dei GAL partner; organizzare sul proprio territorio laboratori di degustazione dei prodotti della Dieta Mediterranea; partecipare ai seminari informativi con degustazione prodotti della Dieta Mediterranea. Destinatari di queste iniziative sono state le comunità locali interessate, il sistema agricolo-turistico-ricettivo, le scuole, il personale medico e gli altri attori che collaborano, a qualsiasi livello, a sensibilizzare e diffondere uno stile di vita sano e un’alimentazione basata sui prodotti della tradizione mediterranea. Il GAL Capo S. Maria di Leuca, congiuntamente con l’Ambasciata Italiana a Helsinki, ha organizzato un evento di promozione e valorizzazione della Dieta Mediterranea in Finlandia svoltosi nelle giornate dal 13 al 15 ottobre 2015. All’iniziativa hanno partecipato: funzionari regionali, varie delegazioni dei GAL partner del progetto composte da rappresentanti istituzionali e operatori dei GAL ed aziende artigiane pugliesi. Durante i tre giorni di permanenza in Finlandia, la delegazione composta da oltre cinquanta persone, ha potuto conoscere il mercato finlandese, entrando in contatto con giornalisti, ristoratori, importatori e associazioni del settore, con la Camera di Commercio Italo - finlandese e con la stessa Ambasciata. Inoltre, all’iniziativa hanno partecipato sei aziende, alcune personalmente, altre mediante l’invio di prodotti tipici. Il GAL Capo S. Maria di Leuca, nell’ambito della Dieta Mediterranea, inoltre, ha realizzato un evento di promozione delle produzioni tipiche locali all’interno di EXPO 2000, la Fiera Regionale, nata dalla secolare “Fera de Miscianu, che da circa venti anni si svolge nella cittadina di Miggiano e raccoglie consensi e successi. Durante tale iniziativa, svoltasi presso il quartiere fieristico dal 16 al 19 ottobre 2014, il GAL ha organizzato due show-cooking, rivolti alla popolazione locale e ai numerosi visitatori della fiera, durante i quali gli chef e gli studenti provenienti dagli Istituti Alberghieri di Santa Cesarea Terme e di Otranto hanno presentato varie ricette tipiche salentine utilizzando prevalentemente prodotti della Dieta Mediterranea. Nella mattinata del 18 ottobre 2014, sempre nell’ambito di Expo 2000 a Miggiano, si è svolta un’importante iniziativa di valorizzazione della Dieta Mediterranea rivolta agli studenti degli Istituti comprensivi del Capo di Leuca. Per l’occasione il GAL ha individuato un esperto della Dieta Mediterranea in grado di presentare ad alunni delle scuole primarie e secondarie, con la distribuzione di un libricino contenente informazioni sui prodotti, l’importanza e il valore dei principi della Dieta Mediterranea. Il GAL, inoltre, ha partecipato a eventi organizzati da altri GAL nell’ambito delle rispettive attività comuni, quali ad esempio il Festival della Dieta Mediterranea di Martina Franca e quello di Avetrana, entrambi in provincia di Taranto. Per l’occasione il GAL ha favorito la partecipazione di aziende del Capo di Leuca che hanno manifestato il proprio interesse. Il GAL, inoltre, ha partecipato all’evento organizzato dal GAL Terra d’Arneo, svoltasi a Stoccolma in Svezia dall’8 all’11 novembre 2015. Durante l’iniziativa, il GAL ha potuto presentare i prodotti delle aziende che hanno presentato la manifestazione di interesse per partecipare all’evento. Il GAL ha ottenuto importanti riscontri circa la promozione della Dieta Mediterranea, con particolare riferimento ai prodotti del Capo di Leuca, in Italia ed all’estero. L’adesione al progetto ha favorito lo scambio di buone prassi con altri territori italiani ed esteri e contribuito a consolidare ulteriormente l’immagine del Capo di Leuca come territorio di produzioni di qualità al fine di implementare le politiche di sviluppo del settore agroalimentare anche con riferimento all’incremento del turismo legato all’enogastronomia e alle produzioni artigianali locali, con particolare riferimento all’olio extra vergine di oliva. A livello locale sono state avviate importanti iniziative di sensibilizzazione sul tema della Dieta Mediterranea e del “mangiar sano e bene”, come quelle rivolte agli alunni degli Istituti Comprensivi del Capo di Leuca, il cui format è stato e verrà utilizzato anche in altri Istituti Scolastici. Con riferimento alle aziende del Capo di Leuca e a quelle del territorio pugliese, le stesse hanno potuto visitare direttamente altri mercati esteri (Finlandia, Svezia, ecc.) che diversamente avrebbero difficilmente raggiunto, sia per motivi economici sia per motivi logistici. Grazie a queste esperienze le aziende partecipanti hanno potuto comprendere la necessità e l’importanza di rivolgersi a un mercato estero, nel quale il prodotto italiano e in particolare quello artigianale viene visto come un prodotto di alta qualità, comprendendo però che l’internazionalizzazione significa anche che le aziende devono investire ad esempio in un packaging diverso da quello utilizzato nel mercato italiano, ovvero in un’etichetta comprensibile anche all’estero.