LEADER I

  • Il Programma di Iniziativa Comunitaria L.E.A.D.E.R. (Liasion Entre Actions de Développement de l’Economie Rurale - Collegamento tra azioni di sviluppo dell’economia rurale) è una iniziativa dell’Unione Europea, si pone come obiettivo di promuovere lo sviluppo dell’economia rurale; egli ha preso avvio nel 1991; la sua azione si è sviluppata all’interno dei 217 Gruppi di Azione Locale finanziati in tutto il territorio comunitario.
  • La realizzazione del L.E.A.D.E.R. ha prodotto risultati molto interessanti, tanto da indurre la Commissione Europea a rifinanziare il Programma, aumentandone, per il L.E.A.D.E.R. II sia la disponibilità finanziaria sia gli ambiti di intervento. Nell’area del Capo di Leuca, il L.E.A.D.E.R. I, attraverso il G.A.L. “Capo S. Maria di Leuca”, ha segnato una fase importante nell’esperienza dello sviluppo locale; nel corso dei tre anni di intervento, sono stati finanziati 110 microprogetti. I Comuni interessati erano diciannove: Alessano, Andrano, Castrignano del Capo, Castro, Corsano, Diso, Gagliano del Capo, Montesano Salentino, Morciano di Leuca, Ortelle, Patù, Poggiardo, Ruffano, Salve, S.Cesarea Terme, Specchia, Spongano, Tiggiano e Tricase. Tra gli interventi più significativi realizzati nell’area, occorre registrare quello nel settore agrituristico, dove è stata favorita la creazione di cinque nuove aziende, in un territorio in cui l’attività agrituristica era pressoché sconosciuta, contribuendo nella misura del 60% delle spese effettive per la realizzazione di strutture.

  • Il G.A.L. “Capo S. Maria di Leuca”, sempre nell’ambito del turismo rurale, ha contribuito con il L.E.A.D.E.R. I, nella misura del 60% delle spese sostenute, a 12 progetti di ristrutturazione nel borgo antico di Specchia, di cui 10 piccoli immobili, da destinare per dieci anni all’offerta turistica del Capo di Leuca, ed ora inseriti nel circuito turistico nazionale e internazionale, grazie alla commercializzazione, anche su INTERNET, sul mercato americano ed europeo. Inoltre, è stato recuperato un immobile da destinare a negozio di prodotti tipici dell’area, ubicato all’interno del Castello Risolo, infine, un caratteristico frantoio è stato ristrutturato per diventare un piccolo ristorante con cucina locale. Con il fine di sviluppare e qualificare l’offerta del turismo rurale, 36 aziende agrituristiche e di turismo rurale, con un contributo pari al 75% delle spese sostenute hanno ottenuto il finanziamento per la stampa di materiale promozionale e per la realizzazione di una adeguata cartellonistica informativa. Per agevolare la mobilità nell’area, sono stati finanziati due progetti riguardanti la sistemazione di piste di maneggio, anche in questo caso il contributo è stato pari al 60% delle spese effettive.
  • A favore della valorizzazione del patrimonio culturale dell’area si è proceduto al finanziamento di un intervento riguardante la sistemazione di un itinerario turistico, che interessa l’intera area archeologica di Vaste di Poggiardo, sempre nella misura del 60% delle spese sostenute. Nello stesso ambito, attraverso il G.A.L. “Capo S. Maria di Leuca”, il L.E.A.D.E.R. I ha finanziato due interventi, con copertura totale delle spese sostenute, il primo a favore del consolidamento delle mure del centro storico di Specchia, il secondo con il recupero e la valorizzazione a fini turistici della Cripta basiliana dell’XI secolo dei SS. Stefani a Vaste e la conseguente creazione di un itinerario turistico che interessa l’intera area archeologica ed il locale Museo. A favore della tutela e valorizzazione dei boschi della macchia mediterranea il G.A.L. “Capo S. Maria di Leuca” ha proceduto al recupero ambientale e realizzazione ed installazione di cartelloni didattici, cestini portarifiuti e panchine in quattro boschi del Capo di Leuca e più specificatamente: del bosco di Cardigliano a Specchia, del bosco del parco del Palazzo Baronale a Tiggiano, del parco delle Querce a Castro e del boschetto delle Querce Vallonee a Tricase, quest’ultimo un intervento particolare, poiché si tratta di una specie, che in tutta l’Europa occidentale è presente solo nel Capo di Leuca.
  • Nel campo degli aiuti alla piccola impresa ed artigianato, 25 aziende operanti nell’artigianato tipico hanno ottenuto finanziamenti, fino al 60% delle spese sostenute e riconosciute ammissibili, per l’acquisto di nuove attrezzature tecniche ed alla sistemazione dei laboratori artigianali, inoltre, 30 piccole imprese ed aziende artigiane hanno ottenuto servizi reali acquisendo consulenza marketing e la realizzazione di cataloghi aziendali, con un contributo a carico del Programma L.E.A.D.E.R. I, pari al 80% delle spese sostenute; ed inoltre sette aziende hanno ottenuto finanziamenti per il confezionamento/packaging dei propri prodotti, con un contributo del L.E.A.D.E.R. I pari al 75% delle spese effettive. Nello stesso ambito, tre aziende, operanti nel settore vivaistico e delle piante officinali, hanno ottenuto finanziamenti, nella misura del 60% delle spese sostenute, per agevolare la produzione, la valorizzazione e commercializzare i prodotti legati alla flora ed alla macchia mediterranea. Inoltre, sono state finanziate, sempre con un contributo del L.E.A.D.E.R. I pari al 60% delle spese sostenute, sei aziende del settore dei prodotti tipici agroalimentari ed otto punti di vendita dello stesso settore, nella misura del 75% delle spese sostenute.

  • Nella logica dello sviluppo integrato ogni intervento ha usufruito dell’assistenza nella fase di preparazione, di esecuzione e di accompagnamento al mercato da parte del G.A.L. “Capo S. Maria di Leuca”. A favore della promozione e dello sviluppo locale sono stati realizzati degli stands modulari per l’esposizione dei prodotti artigianali ed agroalimentari tipici locali in occasione di feste e sagre nel territorio del Capo di Leuca.

  • Infine si sono realizzate due manifestazioni a favore della promozione dell’area e dei suoi operatori, nei centri commerciali delle città di Modena e di Ferrara con una copertura delle spese pari al 75% delle spese sostenute.

    RIEPILOGO Programma LEADER I

    (in milioni di Lire)

    SOTTOMISURE

    Impegni di spesa

    Spesa totale

    1. Sostegno tecnico e Animazione dello sviluppo rurale

    522,7

    473,3

    2. Formazione Professionale e aiuti allo occupazione

    647,8

    485,6

    3. Turismo rurale

    3.277,1

    2.172,5

    4. P.M.I - Artigianato e servizi zonali

    1079,6

    807,9

    5. Valorizzazione in loco e commercializzazione dei prodotti agricoli e silvicoli

    1.356,5

    493,0

    6. Altre Misure

    0

    0

    7. Avviamento e funzionamento del Gal Dotazione Informatica

    (Presente nel LEADER II nella Misura 1 alla voce:1.4 Costi di Esercizio)

    900,0

    872,1

    TOTALI

    7.783,7

    5.304,4